MIAC

MIAC

Il progetto MIAC, Moda Italiana Aziende Contemporary, nato dall’accordo fra Confartigianato Imprese e WHITE, presenta, in questa edizione, una strategia articolata su tre aree. Un’idea diversa per raccontare la realtà più rappresentative del made in Italy, fatta di storie nuove e consolidate, aziende piccole e grandi, ma caratterizzate dall’esercizio di un know-how che tutto il mondo riconosce. Tre aree impostate come capitoli di una narrazione che WHITE propone in chiave ludica, facendo riferimento a un ideale gioco di carte che possano legarsi, cambiando sequenza a seconda delle esigenze, con la volontà di vincere la partita della moda del futuro. L’unione di forze come quella fra l’associazione di categoria e la manifestazione è indispensabile per aff rontare il mercato in chiave contemporanea, per presentare identità diverse e caratteristiche del nostro territorio, con una formula che unisce esperienza e coraggio imprenditoriale. Una selezione e una curatela nate per creare una chiave di lettura nuova e sostenere i giovani e chi, pur avendo una produzione storica, è lontano dalle presentazioni contemporanee. WHITE Studio: in Tortona 54, on stage a BASE Milano nella residenza d’artista casabase, dieci stanze di hotel ospitano giovani brand, con prodotti già di alto livello di accessori e abbigliamento. WHITE Folies e WHITE Artisan Lounge, all’interno di Superstudio Più, in Tortona 27: la prima è destinata a una produzione diversa dal solito, una couture fatta anche di suggerimenti fuori dall’ordinario. La seconda, già sperimentata per ospitare brand di ricerca, in questa edizione dimostra una particolare attenzione agli accessori. Il format nella sua interezza dimostra la volontà di aprire nuove strade da parte di WHITE, che rendano sempre più interessante ai buyer la visita allo spazio, curato con dettagli capaci di dare una visione artistica oltre che di business. Un entusiasmo che dimostra anche la voglia di apertura al nuovo, da parte di una associazione storica come Confartigianato, che decide di seguire la cultura del cambiamento guidando i propri associati verso l’innovazione della comunicazione e promozione del loro lavoro. L’ispirazione al cinema e a quell’immaginario che riporta l’aura di fascino sugli artigiani e i designer, che diventano interpreti di una trama inventata per arrivare comunque a sostenere la distribuzione del prodotto: il lavoro di ogni azienda diventa argomento di story telling per buyer spettatori della messa in scena della creatività.

The project MIAC Moda Italiana Aziende Contemporary, resulting from the agreement between Confartigianato Imprese and WHITE, in this edition is going to present a strategy relying of three areas. A novel idea to illustrate the most representative made-in-Italy stories, a panorama consisting of new and consolidated, small and large enterprises, all featuring a degree of know-how that is acknowledged worldwide. Three areas like three chapters of a story that WHITE is going to propose through a playful approach, hinting at an ideal game consisting of cards that can be played according to one’s needs to win at the game of trailblazing fashion. A game relying on crucial cohesion, like the one between the professional associations and the trade-fair, to approach today’s market with a contemporary attitude, so as to present the different identities and features of our territory through a formula combining experience and entrepreneurial stamina. A selection aiming to generate a novel approach, which can thereby back both young talents and all those who, albeit having being in the business for a long time, were not focusing on contemporary fashion. WHITE Studio: on stage at BASE Milano, in Tortona 54 in casabase, where ten hotel rooms are all set to accommodate young brands featuring premium accessories and apparel. WHITE Folies and WHITE Artisan Lounge at Superstudio Più. The former is dedicated to an unusual, not merely prêt-à-porter couture encompassing extraordinary proposals. The latter, and already experimented formula, is aimed at hosting cutting-edge brands, this time, with a special focus on bags and shoes. An investment showing WHITE’s will to walk unbeaten paths, making the trade-fair experience increasingly interesting for buyers, as it features elements capable of endowing the show with an artistic appeal. Such enthusiasm also goes to show Confartigianato’s will to explore new scenarios, an historical association, which has decided to pursue a culture of change, by leading their members towards an innovative communication strategy to promote their work. The inspiration from the realm of cinema and from an imagery restoring the allure of both craftsmen and designers – who become interpreters of a fictitious plot – aims to support and boost the products’ distribution: their work becomes the topic of a story for buyers, who, on their turn, become the spectators in the staging of creativity.

Clara Tosi Pamphili